Background Image

Appuntamenti parrocchiali + Lectio: Domenica, 3 Dicembre, 2017

Home  /  Lectio  /  Appuntamenti parrocchiali + Lectio: Domenica, 3 Dicembre, 2017

Appuntamenti parrocchiali + Lectio: Domenica, 3 Dicembre, 2017

December 2, 2017      In Lectio No Comments

DOMENICA    3 dicembre

. 10.00: Messa Parrocchiale + battesimi

. Ritito azione cattolica parrocchiale

. 11,30: Corso cresima adulti

Lectio: Domenica, 3 Dicembre, 2017

Sulla vigilanza
Marco 13, 33-37

1. LECTIO

a) Orazione iniziale:

O Dio, nostro padre, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perché egli ci chiami accanto a sé nella gloria un possedere il regno dei cieli. Per Cristo nostro Signore. Amen.

b) Lettura: Marco 13, 33-37

33 Stato attenti, vegliate, perché non sapete quando sarà il momento preciso. 34 E ‘arrivato uno che è partito per un viaggio dopo aver lasciato la casa e il dato ai servi, un ha detto il suo compito, e ha ordinato al portiere di vigilare. 35 Vigilate dunque, poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera oa mezzanotte al canto del gallo o al mattino, perché non giunga all’improvviso, trovandovi addormentati. 37 Quello che dico a voi, lo dico a tutti: Vegliate! ».

c) Momenti di silenzio:

perché la Parola di Dio può entrare in noi ed illuminare la nostra vita.

2. MEDITATIO

a) Chiave di lettura:

“Vegliate!” Questa è la parola chiave nel breve brano che la Chiesa riserva per la liturgia della prima domenica di Avvento. Vegliare, stare attenti, aspettare il padrone di casa che deve ritornare, non addormentarsi. E’ questo che viene richiesto da Gesù al cristiano. Questi quattro versi del vangelo di San Marco fanno parte del discorso escatologico del capitolo tredici. Questo capitolo ci parla della rovina del Tempio e della città di Gerusalemme. Gesù prende spunto da una osservazione che gli fa un discepolo: “Maestro, guarda che pietre e che costruzione!” (Mc 13, 1). Gesù, perciò, chiarisce le idee: “Vedi queste grandi costruzioni? Non rimarrà qui pietra su pietra, che non sia distrutta” (Mc 13, 2). Il Tempio, segno tangibile della presenza di Dio in mezzo al suo popolo eletto, Gerusalemme “la città salda e compatta” dove “salgono insieme le tribù del Signore, per lodare il nome del Signore” (Sal 122, 4), tutto questo, segno sicuro della promessa fatta a Davide, segno dell’alleanza, tutto questo andrà in rovina…è solo un segno di qualcosa altro che verrà in futuro. I discepoli incuriositi chiedono al Signore seduto sul monte degli Ulivi, di fronte al tempio: “Dicci, quando accadrà questo, e quale sarà il segno che tutte queste cose stanno per compiersi?” (Mc 13, 4). A questa domanda, rifacendosi allo stile apocalittico giudaico ispirato dal profeta Daniele, Gesù si limita solo ad annunciare i segni premonitori (falsi cristi e falsi profeti che con inganno annunzieranno la venuta imminente del tempo, persecuzioni, segni nelle potenze del cielo. cf.: Mc 13, 5-32), “quanto poi a quel giorno o a quell’ora, nessuno li conosce, neanche gli angeli nel cielo, e neppure il Figlio, ma solo il Padre” (Mc 13, 32).

Da questo si capisce l’importanza dell’attesa vigilante e attenta ai segni dei tempi che ci aiutano ad accogliere la venuta del “padrone di casa” (Mc 13, 35). Quando verrà lui, tutto sparirà, “il potere dei servi” (Mc 13, 34) anche i segni che ci aiutano a ricordarci della sua benevolenza (tempio, Gerusalemme, casa). I “servi” e “il portiere” (Mc 13, 34) all’arrivo del padrone non badano più ai segni, ma si compiacciono nel padrone stesso: “Ecco lo Sposo andategli incontro” (Mt 25, 6 + Mc 2, 19-20).

Gesù spesso chiedeva ai suoi di vegliare. Nell’orto degli Ulivi, il giovedì sera, prima della passione, il Signore dice a Pietro, Giacomo e Giovanni: “restate qui e vegliate con me” (Mc 14, 34; Mt 26, 38) La veglia ci aiuta a non cadere in tentazione (Mt 26, 41) ma a rimanere svegli. Nell’orto degli ulivi i discepoli dormono perché la carne è debole anche se lo spirito è pronto (Mc 14, 38). Chi si addormenta va in rovina, come Sansone che si era lasciato farsi addormentare, perdendo così la sua forza, dono del Signore (Gdc 16, 19). Bisogna sempre stare svegli e non addormentarsi, ma vegliare e pregare per non essere ingannati, avviandosi così alla propria perdizione (Mc 13, 22 + Gv 1, 6). Perciò “svègliati, o tu che dormi, dèstati dai morti, e Cristo ti illuminerà” (Ef 5, 14).

b) Domande per orientare la meditazione e attualizzazione:

● Che significato ha per te la veglia? 
● Il Signore predice la rovina del tempio e della città di Gerusalemme, vanto del popolo eletto, simboli della presenza di Dio. Perché Gesù predice la loro rovina? 
● Il tempio e la città santa erano delle forme concrete dell’alleanza tra Dio e il popolo. Ma questi hanno passato dalla rovina. Quali sono le nostre forme concrete dell’alleanza? Pensi che faranno la stessa fine?
● Gesù, ci chiama a trascendere le forme e di attaccarci a lui. Quali cose, forme, segni, credi che il Signore ti chiede di trascendere per attaccarti di più a lui?
● Sei addormentato? In che cosa?
● Vivi sempre in attesa del Signore che viene? L’Avvento è una occasione per te, che ti ricordi l’elemento di attesa nella vita cristiana?

3. ORATIO

a) Salmo 96

Cantate al Signore un canto nuovo, 
cantate al Signore da tutta la terra. 
Cantate al Signore, benedite il suo nome, 
annunziate di giorno in giorno la sua salvezza. 
In mezzo ai popoli raccontate la sua gloria, 
a tutte le nazioni dite i suoi prodigi.

Grande è il Signore e degno di ogni lode, 
terribile sopra tutti gli dei. 
Tutti gli dei delle nazioni sono un nulla, 
ma il Signore ha fatto i cieli. 
Maestà e bellezza sono davanti a lui, 
potenza e splendore nel suo santuario.

Date al Signore, o famiglie dei popoli, 
date al Signore gloria e potenza, 
date al Signore la gloria del suo nome. 
Portate offerte ed entrate nei suoi atri, 
prostratevi al Signore in sacri ornamenti. 
Tremi davanti a lui tutta la terra. 
Dite tra i popoli: «Il Signore regna!». 
Sorregge il mondo, perché non vacilli; 
giudica le nazioni con rettitudine.

Gioiscano i cieli, esulti la terra, 
frema il mare e quanto racchiude; 
esultino i campi e quanto contengono, 
si rallegrino gli alberi della foresta 
davanti al Signore che viene, 
perché viene a giudicare la terra. 
Giudicherà il mondo con giustizia 
e con verità tutte le genti.

b) Orazione Finale

O Dio Padre, ti rendiamo grazie, per il tuo Figlio Gesù Cristo che è venuto nel mondo per sollevarsi e metterci sul giusto cammino. Quando risvegli nei nostri cuori alla preghiera e alla carità, tu ci prepari all’aurora di quel nuovo giorno quando la nostra gloria verrà manifestata insieme a tutti i santi nella presenza del Figlio del Uomo.

4. CONTEMPLATIO

La contemplazione è il saper aderire col cuore e la mente al Signore che con la sua Parola ci trasforma in persone nuove che compiono sempre il suo volere. “Sapendo queste cose, si beati se le metterete in pratica”. (Gv 13, 17)

(Dal sito ocarm)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *